6 Ottobre 2020
UVA DA TAVOLA: COLDIRETTI PUGLIA, EXPORT IN CRESCITA +25%; QUANTITÀ IN CALO MA QUALITÀ SUPER

Export dell’uva da tavola pugliese in crescita del 25% nonostante l’emergenza Covid e il lungo lockdown per un prodotto d’eccellenza che nella campagna 2020 ha registrato un calo delle quantità fino anche al 30% in alcuni areali produttivi a causa del clima pazzo, con qualità molto apprezzate dal mercato. E’ quanto afferma Coldiretti Puglia, sulla base dell'ultimo Focus Ismea 'Tendenze Frutta fresca', centrato, nell’ultimo trimestre, proprio sull'uva da tavola.

“Per sostenere le nostre aziende e superare il gap competitivo nei confronti degli altri Paesi l’agroalimentare va incluso anche nei progetti strategici da realizzare con le altre risorse del Recovery Fund perché c’è la necessità di superare i limiti Ue alla capacità di investimento nel comparto agricolo ed alimentare, come Coldiretti ha già chiesto anche al Parlamento europeo nel quadro delle discussioni sullo strumento di ripresa e resilienza”, dichiara Savino Muraglia, presidente di Coldiretti Puglia.

“Per sostenere le esportazioni, la crescita e le nuove opportunità di lavoro – aggiunge il presidente Muraglia - occorre investire sulla competitività del Made in Italy a partire dall’apertura a nuovi mercati esteri e dal superamento delle grandi difficoltà create dall’embargo russo, attraverso l’avvio e la promozione di un progetto “Ortofrutta italiana” attraverso il quale vengano  sponsorizzati i prodotti a marchio Italia sui mercati europei e non, così come sta facendo la Spagna e la Francia”

Dei circa 15 milioni di quintali di uva da tavola prodotti ogni anno in Italia – aggiunge Coldiretti - il 70% è made in Puglia, un segmento dell’attività agricola da promuovere e tutelare che ha registrato un aumento stellare dei costi per garantire sicurezza nei campi e nel trasporto degli operai agricoli.

“Il settore ortofrutticolo non ha beneficiato – insiste il presidente Muraglia - dell'esonero per i primi sei mesi 2020 dei contributi previdenziali e assistenziali dovuti dai datori di lavoro e oggi, alla luce delle evidenti difficoltà causate dal periodo di incertezza causate dal Covid, vanno pensati e adottati provvedimenti e strumenti urgenti ed essenziali per dare liquidità e sostegno agli operatori della filiera ortofrutticola pugliese”.

Le esportazioni dell’agroalimentare pugliese in Russia hanno perso oltre 160milioni di euro in 5 anni, a causa dell’embargo totale sancito dalla Russia con decreto n. 778 del 7 agosto 2014, mentre le esportazioni di ortofrutta pugliese in Germania sono crollate del 10% nei primi 9 mesi del 2019 rispetto allo stesso periodo del 2018, su valori stimati pari a circa 201 milioni di euro. Un motivo di forte preoccupazione degli operatori in Germania dove si consuma quasi 1/3 dell’ortofrutta Made in Italy esportata, sottolinea la Coldiretti.

“Servono nuovi mercati per l’ortofrutta pugliese e maggiori tutele per i produttori – insiste il presidente Muraglia - circa il prezzo di vendita dei prodotti che possa tutelarli e consentirgli la copertura dei costi di coltivazione, gestione e raccolta dei prodotti così da poter distribuire maggiori ricchezze anche ai lavoratori, quindi rispetto dei contratti di lavoro per evitare situazioni involontarie di sfruttamento dovute dall’appiattimento dei margini di guadagno”.

La Puglia è il primo produttore in Italia di uva da tavola e, grazie all’enorme contributo pugliese, l’Italia è il primo produttore al mondo, con il 16% sulla produzione globale, ricorda Coldiretti Puglia. Le importazioni di uva da tavola in Italia ammontano a 25.000 tonnellate (circa il 3,2% dei consumi interni), di queste, una fetta consistente – denuncia Coldiretti - proviene dall'Europa (49%) e dall'America centro meridionale (circa il 25%), ed in particolare dai sue due principali paesi produttori Cile e Perù, la restante parte proviene dall'Africa (13,5%) ed Asia (4,6%).

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi