17 Giugno 2022
SALUTE: LE DONNE DEI CAMPI DONANO IL SANGUE E INVITANO A FARLO

Al via la collaborazione tra le donne di Coldiretti e l’Avis per le donazioni di sangue, quando proprio in estate cala la raccolta e c’è maggiore necessità.  A darne notizia è Coldiretti Donne Impresa regionale che ha lanciato l’iniziativa di sensibilizzazione in Capitanata, in riferimento ai dati forniti dal Centro Nazionale Sangue che nei primi due mesi dell’anno ha registrato un brusco calo della raccolta, dovuto probabilmente all’ondata di casi Covid, a cui è seguito un marzo stabile e nei mesi successivi mesi c’è stato un nuovo calo che può portare a un inizio anticipato delle carenze di sangue che ogni anno si registrano in estate, quando le alte temperature e i periodi di vacanza spingono le persone a donare di meno.

“Coldiretti Donne Impresa ha sposato appieno la campagna di Avis a Foggia per promuovere la donazione di sangue, con una emergenza che scatta soprattutto nel periodo estivo quando le temperature che si innalzano erodono le scorte di sangue. Le donne delle aree rurali, sempre sensibili ai temi legati alla salute, si sono fatte promotrici di un gesto determinante per tanti, consapevoli del dono prezioso verso persone che abbisognano di sangue. E’ un momento di solidarietà a garanzia  della disponibilità di sangue anche durante i mesi estivi”, afferma Maddalena Rignanese Rinaldi, leader di Coldiretti Donne Impresa Puglia.

Il consiglio ai donatori che sono in buona salute – aggiunge Coldiretti Puglia -  è di prenotare la donazione, telefonando prima al centro di riferimenti, in modo da evitare affollamenti degli ambulatori dove vengono prese tutte le precauzioni per evitare contagi prima, durante e dopo la seduta trasfusionale. Per donare il sangue occorre averte fra i 18 e i 65 anni (si scende a 60 se lo si fa per la prima volta), pesare almeno 50 chili e aspettare almeno 90 giorni fra una donazione e l’altra. Quindi ogni donatore lo può fare al massimo per 4 volte l’anno ed è quindi necessario avere un continuo afflusso per garantire le scorte necessarie a livello nazionale. La sera prima della donazione del sangue effettuare un pasto normale, senza eccessi ed è indispensabile il digiuno da almeno 8 ore.

SONDAGGIO

Ritiene che acquisterebbe cibi sintetici, come carne, uova, pesce o latte, qualora arrivassero sui banchi di vendita?

TERRAINNOVA

 

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi