31 Gennaio 2020
BUROCRAZIA: COLDIRETTI PUGLIA, RUBA 100 GIORNI ANNO AD AZIENDE OLIVICOLE ROSA

La burocrazia ruba fino a 100 giorni all'anno al lavoro in azienda ma soprattutto frena con le inefficienze l’avvio di nuove attività e l’ingresso delle donne nell'attività di impresa in Puglia, al secondo posto della classifica nazionale dove è rosa un’azienda agricola su 3. E’ quanto emerge da un’analisi di Coldiretti Puglia, sulla base dei dati di Unioncamere che testimoniano una grande vitalità dell’imprenditoria femminile in agricoltura che potrebbe crescere esponenzialmente se le aziende non dovessero quotidianamente lottare con una burocrazia matrigna.

“Abbiamo bisogno di sburocratizzazione, di fare impresa con i tempi delle imprese e non della politica. Bene l’attenzione riservata dal Ministro delle Politiche Agricole Bellanova ad un deciso intervento anche grazie ad Ismea sulle politiche di incentivazione dell’imprenditoria femminile in agricoltura, a cui porteremo le nostre proposte. In Puglia sono 23.820 le aziende agricole condotte da donne, una scelta professionale portata avanti per reale passione, ma anche per spirito imprenditoriale, come testimoniato sovente da strutturazioni aziendali complesse e fatturati importanti che va incentivata e sostenuta per non svilire e disperdere questo enorme patrimonio di menti e passioni femminili”,  commenta la pugliese Floriana Fanizza, leader nazionale di Coldiretti Donne Impresa.

“Nell’attività imprenditoriale le donne dimostrano capacità di coniugare la sfida con il mercato ed il rispetto dell’ambiente – aggiunge Fanizza - la tutela della qualità della vita, l’attenzione al sociale, a contatto con la natura assieme alla valorizzazione dei prodotti tipici locali e della biodiversità diventando protagoniste in diversi campi, dalle attività di educazione alimentare ed ambientale con le scuole ai servizi di agritata e agriasilo, dalle fattorie didattiche ai percorsi rurali di pet-therapy, fino agli orti didattici, mercati di Campagna Amica e l’agriturismo”.

Le donne che lavorano in campagna dichiarano di percepire una soddisfazione rilevante da tale occupazione – conclude Coldiretti Puglia  – e oggi l'agricoltura è donna, con le grandi opportunità date anche dall'agricoltura sociale, dall'agriturismo e dalla vendita diretta.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi